bordino bordino

Riunione del: 20/02/2012

Presenti: Gas Baggio (Silvia Annoni), Citta Studi (Silvana Campanelli, Ileana Faidutti), Gas Feltre (Francesca Federici), Filo di Paglia (Mauro Fumagalli), Gas&Luce (Mariella Benedetto), Gas Lola (Gigliola Marsala, Michaela Settimo), Gas Navigli (Irene Leone), Santa Brera (Catia Masiero), Gastardi (Lucio Convertini), Gas del parco (Alessandra Cangemi), Gas domestico (Elisa Orlandotti), Gas Cuccagna (Stefano Manfredi), Gas Gaspare (Gabrielia D'Avanzo), Gas Dergano (Sabina Calogero). Inoltre: Maria Michelazzo ( SaGas), Franco Battaini (ilgasino), Rossana Bosi (GAS4), Antonietta Aberti(SaGas), Antonio Martino (Gas Libero), Delia Lavezzi (Terra e libertà)

Ordine del giorno:
Punti aperti dalla scorsa assemblea:
-Wagon Lits (ipotesi Sbarchinpiazza su Piazzale della Stazione Centrale, con allargamento ad Associazioni e City Angels) Mauro e Maria ('10)
-Raccolta quote adesione (Catia, 10')

1 - FLCG (di cui: modalità di gestione e rappresentanza) (Gigliola 15' e Stefano '30)
2 - Gruppo "Spazi": allargamento del progetto a tutti i Gas di Milano e "tavolo a FLCG" (Mauro 10')
3 - Gruppo Energia: nuovo progetto (Gabriella 10')
4 - Acquisti collettivi: legame con la "scheda produttori" (Gabriella 5' e Stefano 5')
5 - varie (progetto Kyrgyzistan, Ileana 5') (obiettivi di Intergas 2012)

Verbale:
Lucio Convertini – Riepilogo punti ODG precedente: resoconto della visita di Mauro e Lucio presso il presidio ex Wagon Lits.

Catia Masiero - raccolta quote di adesione: alla data odierna il saldo della Cassa di Intergas è di Euro 684. I fondi provengono da 9 GAS che già hanno versato le quote di adesione, da donazioni di singoli gasisti e dagli ordini collettivi.
Catia Masiero - laboratorio del pane a FLCG: espone i suoi dubbi circa la possibilità che anche quest'anno il laboratorio del pane possa dare un importante contributo alla copertura dei costi per lo stand a FLCG. Le motivazioni sono due:
- l'ubicazione dello stand nell'area culturale
- il crescere dell'interesse nei confronti dell'utilizzo della pasta madre e dell'autoproduzione del pane che ha fatto fortunatamente moltiplicare gli "spacciatori" di lieviti.
Si domanda se è il caso di approfondire con TDM la possibilità di cucinare all'interno dell'area culturale.
Altra domanda che non ha trovato una risposta in assemblea è: se non riusciamo a coprire i costi dello stand come raccogliamo i fondi? Chiedendo un contributo agli aderenti?

Maria Michelazzo – Sbarchi In Piazza (SIP): ha veicolato in lista le informazioni avute dalla rete Lilliput in merito agli "Sbarchi in piazza" perchè le sembrava un evento importante; dato che alcuni punti le erano poco chiari ha deciso in seguito di telefonare a Roberto Li Calzi, uno degli ideatori del progetto. Qui di seguito riassunti i punti più salienti di quella conversazione.
- è importante che l'evento sia preparato con calma coinvolgendo scuole ed amministrazioni locali, in modo da raggiungere quanti più cittadini possibile.
- ora vi è un sito dedicato a questo evento nazionale che è www.ressud.org; il consiglio è di iscriversi (vi sono anche vaie mailing list) per tenersi aggiornati sullo stato delle cose.
- L'evento non è riservato alle Galline felici, c'è in atto tutto in lavoro intorno ai produttori che sono/verranno coinvolti (sul sito si trovano i documenti finora redatti sui criteri di partecipazione).
- questo punto la interessava perchè a Milano viene servita da diversi produttori di arance, non solo dal consorzio Galline Felici; Roberto le ha inoltre detto che la ditta Riela, che trasporta le arance del consorzio Galline felici, non è loro, ma è a disposizione di tutti i produttori che ne abbiano bisogno.
Per concludere pensa che l'iniziativa proposta da Mauro e Lucio di abbinare uno sbarco delle arance a sostegno dei lavoratori sulla torre FFSS sia lodevole, ma è importante se si fa a Milano uno sbarco in piazza farlo contemporaneamente in vari punti strategici della città; coinvolgere quanti più GAS ed Associazioni possibili, in modo che ogni punto poi arricchisca con i propri contenuti l'evento.
Per questo pensava ad un tavolo di lavoro cittadino, da tenersi in una sala del Comune.
I presenti discutono a lungo sulle modalità, si decide che Stefano Manfredi invii una lettera a Limonta (che è tramite tra la cittadinanza ed il Comune per i cittadini) per coinvolgere l'amministrazione comunale nel progetto e farsi dare una sala (Maria e Sandra Cangemi preparano una bozza di lettera per Stefano) e si invitano tutti i presenti ad iniziare a scrivere a tutti i loro contatti per diffondere l'informazione).

Stefano Manfredi - FLCG: lo stand sarà realizzato "al risparmio" riutilizzando i pannelli e pennoni già disponibili a magazzino; perciò non si prevede di verniciare i pannelli.
Si chiederà ad Arimo di fare trasporto e montaggio con 2 persone poichè lo stesso sarà assistito dai gasisti "con manualità" per abbassare il costo del servizio. I GAS cercheranno le persone adatte e volenterose all'interno dei loro aderenti.
A parete saranno appesi i manifesti coi temi principali che sono stati elencati; alcuni sono già esistenti e riciclabili.
Lo spazio stand sarà gratuito, comprensivo di tavoli e sedie in comodato gratuito. Le spese vive no.
Si conferma la volontà di fare il laboratorio del pane, ma bisogna verificare il costo del noleggio del forno col nostri budget. Le cuoche di GAS Cuccagna si informeranno su preventivi di noleggio attrezzature più bassi.

Gabriella D’Avanzo - Il Gruppo energia avrà quattro pannelli ed ospiterà Retenergie, che spiegherà il progetto di Santa Brera e la convenzione con Trenta per il cambio fornitore. Avrà un tavolo più grande per fare un po’ di "formazione" a tutti.
Il gruppo Acqua avrà forse una fontanella comunale ma bisognerà valutare se allacciarla in base al budget.
Si esporrà un campione del pane ROM con la sua scheda che è stata fatta girare in assemblea con una pagnotta, accompagnata da una spiegazione a cura di GAS 4.
Il gruppo produttori esporrà informazioni e notizie sui produttori ma non merci in vendita o esposizione.
Poiché la scheda produttori e' stata validata solo per 16 aziende (su circa un centinaio che l'hanno compilata) si decide per quest'anno di presentare tutti i produttori dei gas aderenti ad Intergas. Gigliola farà circolare un file per raccogliere le informazioni

Sono stati recuperati i file della grafica "Intergas"; i vari gruppi redigeranno dei file di testo coi contenuti dei pannelli e saranno poi mandati a Stefano M (Gas Cuccagna) per poterli unificare nell'aspetto grafico. Poi Mauro Fumagalli li trasmetterà allo stampatore.
Si utilizzeranno, se concessi, i loghi Acqua pubblica e gli altri loghi riconoscibili ai temi specifici.

Mauro Fumagalli - Gruppo "Spazi": nell'ultima riunione del gruppo "spazi" si è deciso all'unanimità di estendere il progetto a tutti i Gas di Milano e hinterland, chiedendo loro contributi concreti, pareri e diretto coinvolgimento.
Il gruppo "spazi" ritiene infatti di dover proseguire il suo lavoro sulla base dei contenuti della lettera inviata nel Novembre scorso all'Assessore Lucia Castellano (si allega il testo a beneficio di tutti) alla quale peraltro non è stata data risposta.
La richiesta di Intergas per qualità di caratteristiche e contenuti è tale che, se venisse accolta, non potrà non essere condivisa da un elevato numero di Gruppi di acquisto Solidali.
Nei prossimi giorni verrà pertanto preparata una breve relazione con l'invito a tutti i Gas iscritti in lista per un primo incontro.
Sempre nei prossimi giorni verrà inviata una mail all'Assessore Lucia Castellano per sollecitare una risposta alla lettera inviata da Maurizio Lauro nel Novembre scorso (in allegato).
Mauro riferisce anche della richiesta di ospitalità di Sergio Introini (persona ben conosciuta e da anni presente nel mondo dell'economia solidale) di un piccolo spazio (un metro quadrato è sufficiente) all'interno del nostro stand a Fa’ la Cosa Giusta. L’assemblea decide che lo stand non avrà ospiti.

Gigliola riporta la considerazione emersa nell'ultimo Coordinamento di aprire una discussione nell'Assemblea di Intergas su quali potrebbero essere i temi e le attività a medio termine su cui concentrarsi. Le forze di Intergas sono limitate ed e' opportuno avere degli obiettivi condivisi a medio termine invece di rincorrere iniziative estemporanee. Uno dei temi potrebbe essere quello dei DES/DESR visto che sono circolate in lista diverse mail che richiedevano un approfondimento su questo tema. Su questi argomenti discuteremo alla prossima riunione di Intergas.



Lettera Assessore Castellano