bordino bordino



Intergas di Milano è una rete autogestita di Gruppi di Acqusito Solidale esistenti nell'area milanese, formatasi nel 2002 dall'incontro dei primi Gas formatisi nella città.  

Scopo della rete Intergas è mettere in relazione le realtà, diverse e originali, dei gruppi d'acquisto, allargando il circuito delle informazioni e consentendo di portare avanti attività e iniziative che i singoli Gas non avrebbero la forza o la massa critica necessaria per organizzare da soli, quali ad esempio la diffusione e la promozione attraverso incontri pubblici dei principi etici su cui è basato il consumo critico e solidale, l'acquisto collettivo di prodotti che richiedono grandi quantitativi, la promozione di seminari. 

Dal dicembre 2011 Intergas si riconosce nella Carta qui allegata (vedi link a fondo pagina) redatta da un gruppo di lavoro e successivamente discussa e rielaborata in più tempi con l'apporto di tutti i partecipanti all'assemblea e dei Gruppi d'Acquisto Solidale di riferimento. La Carta riassume i principi in cui si riconoscono i gas aderenti e l'organizzazione che hanno voluto attribuirsi. E' un documento aperto e passibile di modifiche, purchè condivise dall'assemblea.

Ad oggi i Gas aderenti e firmatari sono:  Città Studi, Cuccagna, Dem, Dergano, Domestico, Feltre, Filo di Paglia, Gas del Parco, Gas del Sole, Gas e Luce, Gas 77, Gaspare, Gastardi, Lambrate, Martesana, Navigli e Sagas.

Le adesioni sono raccolte ad ogni assemblea o comunicate via mail, con nominativi e recapito di due rappresentanti il gas

L'assemblea di Intergas si riunisce ogni terzo lunedì del mese alle ore 20,45. Le riunioni sono aperte a tutti i Gas di Milano e dintorni, siano essi aderenti alla Carta o meno. La convocazione, il luogo e l'ordine del giorno sono anticipati sul sito: menu INTERGAS/PROSSIMA RIUNIONE.

Fin dalla sua nascita Intergas ha organizzato incontri di formazione su argomenti di interesse comune a tutti i Gas, ad esempio sui pregi, costi e problemi della certificazione biologica, sull'impatto degli OGM sulla salute e l'ambiente, sull'autoproduzione, sulla biodiversità e sui progetti di recupero delle varietà antiche di verdura e frutta, sulla biodegradabilità dei detersivi tradizionali ed ecologici, sulle garanzie, oltre che l'eticità, dell'acqua potabile e di quella in bottiglia, sull'utilità dell'uso dei filtri, sulle fonti di energia alternative, sull'alimentazione biologica e gli orti didattici nelle scuole, sulla produzione del latte e la distribuzione del latte crudo, sul prezzo sorgente dei prodotti alimentari.

E' nell'ambito di Intergas che è stata decisa la partecipazione alla fiera "Fa' la cosa giusta" e organizzato lo stand in modo che i vari Gas garantiscano la presenza dei loro soci per l'intera durata della fiera, per dare informazioni e consigli utili a tutti i visitatori che si avvicinano per la prima volta ai temi dell'economia solidale.

Dal 2009 in Intergas sono attivi i seguenti GRUPPI DI LAVORO impegnati in diversi progetti. La partecipazione è aperta a tutti i gasisti che vogliono offrire la loro collaborazione:

CARTA: è il gruppo che ha studiato ed elaborato la Carta di Intergas, integrandola e discutendola con la collaborazione di tutti i Gas che hanno partecipato alla sua stesura. Ne è il custode e si occupa di tutti gli aggiornamenti.

COMUNICAZIONE: si occupa dell'informazione e diffusione dei progetti e degli eventi organizzati da Intergas attraverso il sito e i social network. Un ufficio stampa tiene i contatti con i giornalisti delle maggiori testate locali e nazionali, della stampa on-line e dei canali televisivi pubblici e privati.

SITO: è un gruppo tecnico che si è formato per progettare e dare vita al sito di Intergas. Oggi si occupa della sua gestione, sia dal punto di vista tecnico/informatico che redazionale, nonchè della mailing-list.

ATTUAZIONE LETTERA AL SINDACO (sottogruppi ACQUA, SPAZI, MENSE): nato in occasione della campagna elettorale 2011 per il Comune di Milano, vuole sensibilizzare e sollecitare l'amministrazione locale su temi cari ai GAS per incrementare la creazione sul territorio di case dell'acqua, mercati diretti e biologici e per sostenere politiche volte ad una alimentazione più corretta dei propri cittadini. Il gruppo ha chiesto all'amministrazione quattro spazi che i Gas gestiranno in autonomia, sfruttandoli per la logistica delle proprie attività e per la diffusione di pratiche e valori propri dell'economia solidale. 

PRODUTTORI: ha predisposto e pubblicato sul sito una "scheda produttori" compilabile on-line, con l'obiettivo di approfondire la conoscenza di quei produttori che desiderano collaborare con i Gas milanesi. Per ora Intergas accetta solo i produttori certificati o in conversione bio, ma vuole andare oltre la certificazione perchè pensa che la migliore garanzia sia la conoscenza diretta e la relazione tra consumatore e produttore. Scopo della scheda è soprattutto fare cultura all'interno dei Gas, far conoscere i metodi della produzione biologica, diffondere le conoscenze che i produttori hanno acquisito con la loro esperienza.

ENERGIA: promuove incontri pubblici dedicati all'approfondimento del tema dell'energia e alla diffusione di una maggiore consapevolezza sull'importanza del risparmio energetico. Ha attivato un primo progetto pilota per la produzione di energia elettrica dal fotovoltaico presso la Cascina Santa Brera e ha iniziato a raccogliere fondi per la costruzione di un secondo impianto.

PESCE D'APRILE: il gruppo coordina gli ordini collettivi di pesce del Tirreno pescato davanti al Parco Naturale della Maremma. Intergas promuove un progetto di pesca artigianale sostenibile dalla forte valenza etica: i pescatori combattono ogni giorno contro la pesca illegale a strascico sottocosta, ingaggiando un'importante lotta a difesa del territorio e del mare. 

VINO ROM: il gruppo ha ideato e portato a termine un programma di avviamento all'autonomia di sette famiglie di etnia rom, provenienti dall'ex campo informale di via Rubattino, attraverso tre borse di lavoro e cinque borse di studio, finanziate grazie ad offerte in cambio di vini rossi dell'associazione no profit Fuorimercato. Il progetto si è concluso nel 2011.